Dieta casalinga per cani: preparazione

Cane

Preparazione della razione

In linea di massima si inizia con la cottura delle verdure che deve essere abbastanza prolungata. In questo modo si perderà quasi completamente la quota in vitamine, che sono termolabili, ma se ne manteniamo l’acqua di cottura in cui cuociamo anche i nostri cereali, conserveremo  almeno la quota minerale ed in zuccheri solubili. Le verdure possono essere varie salvo alcune esclusioni, cipolla e aglio che possono causare intossicazioni, ed alcune limitazioni per cavoli, bietole e spinaci che, legando il calcio presente negli alimenti,  ne impediscono l’assorbimento. A cottura quasi completata andrà aggiunta la nostra fonte di zuccheri che può essere il riso, la pasta, la farina di mais, l’ orzo, il farro, i fioccati di cereali, il pane secco o quello che decidete di utilizzare (attenzione a non fare confusione, i legumi come soia, fagioli, lenticchie, ceci e così via, pur apportando zuccheri, sono in realtà ricche fonti di proteine vegetali e quindi l’uso di queste dovrebbe comportare un minor uso di fonti proteiche animali). Anche i cereali andranno cotti per un tempo prolungato. Solo in ultima istanza aggiungerete la fonte in proteine e la cuocerete per 10 minuti a 80° (quindi senza arrivare al punto di ebollizione), in modo da sterilizzarle ma da non alterarne le proprietà nutritive. Meglio sarebbe cuocere la carne a parte, per evitare la formazione di complessi fra zuccheri e proteine che diminuiscono la disponibilità di entrambi. Prima di servire il tutto si addizionerà al composto la quantità corretta di un integratore polivitaminico/minerale completo (esempio Dog Totalin o simili) e l’olio di scelta a crudo e/o eventuali fonti lipidiche sotto forma di grassi che fungono anche da esaltatori del gusto (fiocchetto di burro, lardo). Il sale da cucina viene utilizzato per conferire maggiore sapidità al piatto ma non si deve esagerare nelle quantità esattamente come per ciò che riguarda noi stessi

 

Variazioni

Cosa corretta sarebbe, di volta in volta, riformulare la razione in funzione delle materie prime scelte ma, in linea di massima, possiamo dire che le carni sono sostituibili fra loro in pari quantità, che il pesce può sostituire anch’esso la carne  in proporzioni quasi uguali, che un uovo sostituisce circa 50 gr di carne ma contiene più grassi, che perciò andranno un po’ ridotti. Anche i formaggi possono essere usati nella formulazione della dieta ma va considerato che contengono spesso un alto tenore in grassi.

Frequenza di somministrazione

La razione quotidiana andrebbe frazionata in 3-4 pasti.