La toxoplasmosi è una patologia trasmissibile all’uomo mediante l’ingestione di "oocisti". Il parassita ha come ospite definitivo il gatto che elimina le oocisti nell’ambiente.
Toxoplasmosi Toxoplasma gondii

Tabella dei Contenuti

Toxoplasmosi ed il gatto

Toxoplasmosi Toxoplasma gondii

La toxoplasmosi è una patologia trasmissibile all’uomo mediante l’ingestione di oocisti. Il parassita riconosce come ospite definitivo il gatto che elimina nell’ambiente delle oocisti.

Isospora Felis e Toxoplasma sono gli agenti che si riscontrano più frequentemente nel gatto (coccidiosi).

Si tratta di una famiglia di protozoi, cioè  piccoli organismi monocellulari, parassiti endocellulari obbligati; essi, cioè, anziché vivere all’interno del lume intestinale, vivono dentro le cellule della mucosa che lo riveste.  I coccidi si riproducono sia per via sessuale che per via asessuata,  in quest’ultimo caso tramite un processo di divisone cellulare. Nei vari processi proliferativi  fuoriescono dalle cellule della parete intestinale per andare ad infestarne altre, rompendone la parete ed uccidendole. Una volta compiuto il ciclo riproduttivo sessuato  vengono disseminate nell’ambiente delle oocisti che impiegano qualche tempo a maturare  e a diventare a loro volta infestanti. L’infestazione si può contrarre sia direttamente, sia tramite l’ingestione di altri animali in cui i coccidi sono presenti in forma cistica a livello di masse muscolari. E’ questa la via di trasmissione della toxoplasmosi che come ospiti intermedi vede tutti i mammiferi, i volatili ed i rettili, mentre come ospite definitivo ed unico disseminatore nell’ambiente riconosce il gatto. I coccidi del genere Isospora danno sintomi riferibili alla distruzione dell’epitelio intestinale che esitano in diarrea acquosa spesso striata di sangue, malassorbimento, crescita stentata e, secondo alcuni autori, sintomi sovrapponibili a forme respiratorie di natura virale. Il Toxoplasma di solito induce un’infestazione silente ma in particolari situazioni, come nel caso di gatti immunodepressi, può dar luogo a sintomatologia anche grave con sintomi respiratori, alterazioni a carico del fegato e sintomi di tipo neurologico dovuti alla presenza di formazioni cistiche a livello cerebrale.

La diagnosi si basa nel primo caso sulla ricerca delle oocisti nel materiale fecale mentre nel caso della toxoplasmosi, data l’importanza del parassita per ciò che riguarda la salute pubblica, sono disponibili anche indagini accurate e specifiche. A questo proposito dobbiamo spendere due parole in più.

La toxoplasmosi è una patologia trasmissibile all’uomo mediante l’ingestione di oocisti in cui il parassita abbia raggiunto il giusto stadio di maturazione (oocisti sporulate).  Il parassita riconosce come ospite definitivo il gatto che elimina nell’ambiente delle oocisti non sporulate. Perché queste maturino devono trascorrere quattro o cinque giorni e devono essere presenti condizioni di temperatura e umidità favorevoli a che queste sopravvivano. Il contagio diretto dell’uomo a partire dal gatto dovrebbe quindi avvenire mediante la contaminazione oro fecale allo scadere di questo periodo, cosa che avviene di solito a seguito dell’ingestione di verdure crude, inquinate da feci di gatto e mal lavate. La via di contagio più frequente, oltre questa, è quella dovuta all’ingestione di carni crude di animali che ospitano delle cisti  del parassita a livello muscolare o, ancora, l’ingestione accidentale di terriccio per chi fa giardinaggio o lavora nel settore agricolo. Quello che sappiamo è che circa ¼ della popolazione mondiale ha superato l’infestazione in maniera spesso del tutto inosservata, ma evitare la parassitosi diventa estremamente importante in gravidanza dato che il parassita può causare gravissime anomalie fetali. Detto questo, tuttavia, non mi sembra corretto colpevolizzare il gatto che spesso viene bandito da casa durante il periodo di gravidanza, dato che esso tende ad eliminare (moltissime per la verità) oocisti una sola volta nella vita e per un tempo limitato (gatto sano) e che queste oocisti sporulano solo dopo alcuni giorni e diventano infestanti. A difesa del gatto mi sento di dire che se la proprietaria in dolce  attesa, pulisce la lettiera del proprio gatto solo una volta alla settimana, a mani nude e poi magari si rosicchia le unghie, evidentemente ha scelto liberamente di giocare  col fuoco.

POST RECENTI

Lotta fra gatti
La castrazione del gatto

La castrazione del gatto maschio domestico non ha una indicazione medica vera e propria. Viene eseguita per impedire accoppiamenti e comportamenti fisiologici come la marcatura territoriale, inaccettabili in ambito domestico.

Leggi »
Cagna e cucciolo
Sterilizzazione del cane femmina

Il consenso unanime  della comunità medico veterinaria sulla correttezza della scelta di anticipare la sterilizzazione delle cagne in epoca pre pubere,  ha subito un brusco cambio di rotta già nel 2013..

Leggi »
Problemi urinari nel gatto
Problemi urinari nel gatto

Esaminiamo le principali alterazioni alle basse vie urinarie del gatto. Segnali di alterata funzionalità urinaria ed indicazioni per prevenire la comparsa di alcune patologie a carico delle basse vie urinarie.

Leggi »
Crocchette per gatti
Alimentazione del gatto: secco o umido?

Il concetto stesso di alimento secco e l’uso di una formulazione troppo ricca in zuccheri fa delle crocchette per gatti, di tutte le crocchette per gatti, una soluzione alimentare scorretta, a volte mici-diale

Leggi »
Sitemap
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Erika De Filippo Veterinario Modena tel. 059 217 259

Viale C. Menotti 223 Modena (MO) 41121 Italy
Albo Veterinari Modena 392 Iva 01807670367