Articolo divulgativo sulla Leucosi felina , malattia infettiva contagiosa sostenuta da un virus universalmente diffuso che affligge secondo le stime il 3% della popolazione mondiale dei gatti.
Gatto (Steinlen)

Tabella dei Contenuti

Leucosi felina: malattia infettiva contagiosa sostenuta da un virus universalmente diffuso che affligge il 3% della popolazione mondiale dei gatti.

La Leucosi felina (FeLV) è una malattia infettiva virale contagiosa sostenuta da un Retrovirus .

A questa famiglia virale appartengono anche il virus dell’immunodeficienza virale umana (HIV) e il virus che sostiene l’immunodeficienza virale nel gatto (FIV). I virus FIV e HIV sono specie specifici il che significa che il gatto non è in grado di infettare l’uomo e viceversa.

Il virus della Leucosi felina FeLV è un virus  diffuso ovunque e le più recenti stime fanno ritenere che circa il 3% della popolazione mondiale di gatti ne sia infettata.

Come si trasmette il virus?

Il virus non è  particolarmente resistente nell’ambiente esterno. esso viene eliminato dall’animale infetto con tutte le secrezioni perciò viene trasmesso

  1. tramite il morso
  2. tramite la saliva
  3. tramite l’urina
  4. con il latte
  5. con le feci
  6. tramite l’uso promiscuo di ciotole e lettiere
  7. dalla madre ai feti durante la gravidanza.

Sono più esposti al rischio di contagio, quei gatti che vivono allo stato brado o semibrado, che quindi hanno la possibilità di venire a contatto con altri membri della specie. Quando si intenda introdurre un nuovo gatto nell’ambiente in cui già ne vive un altro, occorre sempre effettuare i test specifici per scongiurare la possibilità che sia affetto da questa patologia.

Quali sono i sintomi della malattia?

Il virus provoca un calo delle resistenze immunitarie dell’organismo per cui la sintomatologia è estremamente varia e dovuta spesso all’aggressione da parte di agenti patogeni opportunisti che causano

  • febbre persistente
  • anoressia
  • decadimento delle condizioni generali
  • diarrea
  • aumento di volume della milza e dei linfonodi
  • lesioni a carico della bocca e delle gengive
  • anemia.

Il virus della leucosi felina appartiene alla famiglia degli oncovirus, virus di cui è riconosciuto il ruolo nello sviluppo di patologie tumorali. Il gatto anche asintomatico portatore del virus FeLV deve essere sempre considerato fonte di contagio per gli altri gatti.

Esiste un vaccino contro la leucosi?

A differenza di quanto avviene per la Fiv, per la FeLv disponiamo di vaccino per cui è consigliabile vaccinare tutti quei gatti che vivano in condizioni di semilibertà o quelli che vivono nelle “comunità° feline, una volta che si sia appurato che non sono stati già infettati.

POST RECENTI

Lotta fra gatti
La castrazione del gatto

La castrazione del gatto maschio domestico non ha una indicazione medica vera e propria. Viene eseguita per impedire accoppiamenti e comportamenti fisiologici come la marcatura territoriale, inaccettabili in ambito domestico.

Leggi »
Cagna e cucciolo
Sterilizzazione del cane femmina

Il consenso unanime  della comunità medico veterinaria sulla correttezza della scelta di anticipare la sterilizzazione delle cagne in epoca pre pubere,  ha subito un brusco cambio di rotta già nel 2013..

Leggi »
Problemi urinari nel gatto
Problemi urinari nel gatto

Esaminiamo le principali alterazioni alle basse vie urinarie del gatto. Segnali di alterata funzionalità urinaria ed indicazioni per prevenire la comparsa di alcune patologie a carico delle basse vie urinarie.

Leggi »
Crocchette per gatti
Alimentazione del gatto: secco o umido?

Il concetto stesso di alimento secco e l’uso di una formulazione troppo ricca in zuccheri fa delle crocchette per gatti, di tutte le crocchette per gatti, una soluzione alimentare scorretta, a volte mici-diale

Leggi »
Sitemap
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Erika De Filippo Veterinario Modena tel. 059 217 259

Viale C. Menotti 223 Modena (MO) 41121 Italy
Albo Veterinari Modena 392 Iva 01807670367