Articolo sulla Panleucopenia felina o gastroenterite virale del gatto sostenuta da un Parvovirus, agente virale estremamente resistente ai comuni disinfettanti..
Vaccino gastroenterite virale

Tabella dei Contenuti

La  gastroenterite virale del gatto o Panleucopenia felina: malattia infettiva sostenuta da un Parvovirus, agente virale estremamente resistente ai comuni disinfettanti..

La gastroenterite virale del gatto (Panleucopenia) è una malattia infettiva, altamente contagiosa e spesso mortale, sostenuta da un Parvovirus estremamente resistente anche all’azione dei comuni disinfettanti, tanto che può sopravvivere sino ad un anno se in ambiente adatto. Il virus viene inattivato dall’ipoclorito di sodio (varecchina) al 6% e dalla formaldeide. Il virus della gastroenterite virale è in grado di infettare tutti i felini ma non il cane, tuttavia il virus canino è in grado di provocare malattia nel gatto. La malattia può comparire anche in soggetti giovani già vaccinati quando esposti ad alte cariche virali. Il virus viene emesso con tutte le secrezioni degli animali infetti e può essere trasferito passivamente da un soggetto all’altro, tramite scarpe, indumenti, etc. La mortalità in corso di gastroenterite virale è elevatissima nei gattini di età inferiore ai cinque mesi.

Sintomi

I sintomi sono vari, dalla morte improvvisa non preceduta da segni particolari, oppure si possono presentare:

febbre elevata

depressione

anoressia

vomito e diarrea che inducono una grave disidratazione.

Un sintomo tipico della patologia è quello del gatto che ciondola con il muso davanti alla ciotola dell’acqua incapacitato a bere e che mantiene l’addome appiattito a terra per cercare di alleviare il dolore addominale. I feti possono contrarre la malattia anche durante la gestazione  e questo provoca aborto, o mortinatalità (gattini nati morti). Nei gattini che sopravvivono si possono avere alterazioni nello sviluppo del cervelletto, con gravi deficit motori, e della retina. La vaccinazione delle gatte gravide è sconsigliata perché la gatta può trasmettere un’infezione vaccinale ai feti, ma, dato che la resistenza al virus dei gattini neonati è data dalla acquisizione di anticorpi con il colostro, un intervento vaccinale effettuato sulla gatta prima di una gravidanza programmata, conferisce ai cuccioli una buona copertura.

POST RECENTI

Lotta fra gatti
La castrazione del gatto

La castrazione del gatto maschio domestico non ha una indicazione medica vera e propria. Viene eseguita per impedire accoppiamenti e comportamenti fisiologici come la marcatura territoriale, inaccettabili in ambito domestico.

Leggi »
Cagna e cucciolo
Sterilizzazione del cane femmina

Il consenso unanime  della comunità medico veterinaria sulla correttezza della scelta di anticipare la sterilizzazione delle cagne in epoca pre pubere,  ha subito un brusco cambio di rotta già nel 2013..

Leggi »
Problemi urinari nel gatto
Problemi urinari nel gatto

Esaminiamo le principali alterazioni alle basse vie urinarie del gatto. Segnali di alterata funzionalità urinaria ed indicazioni per prevenire la comparsa di alcune patologie a carico delle basse vie urinarie.

Leggi »
VetModena
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Erika De Filippo Veterinario Specialista Modena

Viale C. Menotti 223 Modena (MO) 41121 Italy
Albo Veterinari Modena 392 Iva 01807670367
tel. 059 217 259 info@vetmodena.com