Gattino

Alcuni mici si alimentano in modo strano: artigliano bocconcini o crocchette, le tolgono dalla ciotola e vanno a mangiarle  sul piano o qualche metro più in là. Perché’ mai adottano questo “strano” comportamento?

Diversi etologi hanno avanzato  alcune ipotesi al riguardo:

1. Si pensa che possa essere un comportamento insorto nell’infanzia, durante lo svezzamento quando i gattini, maleducatamente, si affollano attorno alla ciotola e si azzuffano fra loro per accaparrarsi il cibo e, possibilmente la massima quantità. Quelli che restano nelle retrovie si servono di questo escamotage per aggiudicarsi qualche boccone e non rimanere digiuni a causa dei fratellini più prepotenti.

2. Diversi animali, non solo i felini, hanno l’abitudine naturale di spostare e nascondere un pezzo della preda per evitare che un predatore più forte possa scacciarli e fare man bassa dell’intera cena. Il gatto domestico può mantenere una memoria ancestrale di questo comportamento pur vivendo un appartamento e senza rischi di competizione .

3. Il gatto non ama mangiare dove beve e tale comportamento nasce dalla necessità di non inquinare le acque di abbeverata con residui di cibo. Le ciotole a doppio scomparto sono quindi inappropriate e dovrete cambiare l’apparecchiatura per rispettare il galateo del vostro gatto.

4. Gatto baffuto sempre piaciuto. Il gatto odia che le sue vibrisse vengano sollecitate (sono a tutti gli effetti degli organi sensoriali) dai bordi della ciotola, in particolare se questa è stretta e profonda.

5. E’ probabile è che i gatti si divertano semplicemente a stimolare l’immaginazione degli etologi..

 

 

VetModena
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Erika De Filippo Veterinario Specialista Modena

Viale C. Menotti 223 tel. 059 217 259
Albo Veterinari 392 Iva 01807670367

Telefono

Considerata l’emergenza Covid, in questo periodo riceviamo  solo previo appuntamento.  Per fissare un appuntamento chiamaci ai numeri indicati sopra. Sei pregato di presentarti alla visita munito di mascherina. Grazie.

Mail