Cimurro

Cimurro: Non esistono predisposizioni di razza o sesso ma i giovani, gli immunodepressi, i cani non vaccinati sono più suscettibili di contrarre questa malattia infettiva virale.

Il Cimurro è una malattia infettiva sostenuta da un virus che appartiene alla stessa famiglia cui fà parte quello del morbillo umano (Paramyxovirus- Morbillivirus). Si tratta di una patologia altamente contagiosa. Nel 1988 abbiamo assistito ad un’immensa epidemia di cimurro, sostenuta da uno stipite virale mutato, in seguito alla quale sono stati modificati i vaccini d’uso corrente per rispondere alla variabilità dell’agente.

Animali colpiti

Oltre al cane il virus è in grado di infettare tutti i canidi selvatici, i mustelidi (furetto, visoni, procioni) ma anche panda ed elefante. Non esistono predisposizioni di razza o sesso ma i giovani, gli immunodepressi, i cani non vaccinati sono più suscettibili di contrarre la malattia. Il virus è un virus “epiteliotropo”, cioè colpisce gli epiteli, vale a dire i tessuti di rivestimento di molti organi ed apparati, perciò la sintomatologia è quanto mai polimorfa per quanto i sintomi spesso siano riconducibili principalmente ad una grave affezione delle vie respiratorie con polmonite.

Cimurro canino

Foto: CDC

Come si trasmette

La via di trasmissione dell’agente è per lo più la via aerogena, cioè il virus viene emesso con le secrezioni dell’albero respiratorio (aerosol), dilagando quindi molto velocemente nell’ambiente perché veicolato anche a distanza, ma può essere emesso anche con le feci, le urine e, generalmente con tutti i fluidi corporei. Anche a guarigione avvenuta i cani continuano ad eliminare virus per parecchi mesi.

Quali sono i sintomi?

I sintomi sono caratterizzati da uno stato febbrile che una volta risolto si è seguito da una altro episodio di febbre cui si accompagnano i primi sintomi respiratori con starnuti, scolo nasale muco purulento, congiuntivite, ulcere corneali, vomito diarrea, sintomi cutanei fra cui dermatite ed ispessimento della cute sui cuscinetti plantari e nella zona del tartufo. Compaiono spesso anche sintomi neurologici dovuti probabilmente ad una forma patologica immuno-mediata che determina alterazioni nel rivestimento del tessuto nervoso. I sintomi neurologici più frequenti sono crisi convulsive sia generalizzate che focali, come per esempio la forma di masticazione a vuoto detta “chewing-gum fits”. Possono comparire anche comportamenti anomali come movimenti rotatori di maneggio o torsioni anomale del capo. Nel caso che la patologia sia stata contratta prima dell’eruzione dei denti definitivi, ed il cane sia sopravvissuto, questi possono presentare anomalie dello smalto o possono non erompere affatto. Tanto più si protrae la patologia, tanto più è probabile che si manifestino i sintomi neurologici, che possono comparire anche a distanza di mesi dalla scomparsa dei sintomi. La mortalità è molto alta.

VetModena
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Erika De Filippo Veterinario Specialista Modena

Viale C. Menotti 223 tel. 059 217 259
Albo Veterinari 392 Iva 01807670367

Telefono

059 217 259

Urgenze 339 503 1464

Mail